HOME

RIPRODUZIONI

CARTOLINE


EVENTI   STORICI

GUIDE  TURISTICHE

LIBRI

STAMPE

QUADRI

FOTOGRAFIE

PEGLIESE CALCIO


SITI  AMICI

HOME PORTALE

Cartoline di Pegli   stemma

 Via XX Settembre



Passeggiata di Via XX Settembre in una cartolina del 1903, notare i vestiti d' epoca e la collina della "vetta" priva di costruzioni.



Anno 1901. La villa Carpineti e l'inizio di Via XX Settembre. In primo piano la Signora Fanny, una delle prime cicliste pegliesi. Tratto dal libro Pegli nel tempo e nei tempi.



Via XX Settembre nel 1912 in una edizione Dell'Avo.

via XX 003

La stupenda alberatura di via XX Settembre negli anni '30 e la totale assenza di autoveicoli.

cartxx007

Via XX Settembre nel 1914 con inquadratura dell' entrata della Villa Doria, la Chiesa di San Martino e sulla sommita' della collina si nota la torre del Castello medievale.

via xx 005

Altra bella inquadratura della via nel 1914 con gli alberelli piantati da poco.

 Siamo nei primi anni del '900 ed il traffico cittadino è limitato a pochi passanti ed un carretto, la piantumazione è molto fitta ed effettuata da poco. Riproduzione avuta da Giulio Photo Pegli.

Veduta di Via XX Settembre (sicuramente inizio anni '20). A sx le due palazzine ancora esistenti fanno cornice al rio Rexello e all' orto "do Baciccia". Oggi il rio è stato incanalato e coperto. Descrizione dal libro "Pegli nel tempo e nei tempi", riproduzione avuta da Giulio Photo Pegli.

Cartolina viaggiata, dal francobollo databile intorno al 1915, riprende la zona vicino all'ex Albergo Italia con l'entrata alla Villa Doria.

(1925 c.) Cartolina trovata nell'web.

Cartolina del 1918 edizioni G. Graziosi di Pegli. Vediamo il muro che divide Via XX Settembre dagli orti della futura Via Argentina.

Cartolina databile alla fine degli anni venti o all'inizio degli anni trenta. Non viaggiata, vediamo a sx le due palazzine ancora esistenti che fanno cornice al rio Rexello con visione ampia presa dalla fine dell'odierna via Argentina (allora semplici orti).

 

 

Via XX Settembre e' stata tracciata alla fine dell' 800 come via parallela alla ferrovia e rappresenta per Pegli con l' attuale denominazione di Via Martiri della Liberta' una importante arteria commerciale.

Da informazioni su FB fornite dal sig. Sanlorenzo:

"Questa strada, dell'allora Comune di Pegli, si chiamò  Via XX settembre appena formata ai primi del Novecento. Con l' avvento del fascismo e dopo la costituzione della Grande Genova nel 1926, prese il nome di Via Corrado Quario, martire fascista. Venne poi nel periodo Badoglio, nel 1943, la rinuncia al nome dello squadrista e prese il nome di Via della Marina Mercantile. Nei giorni della Liberazione, i sappisti, con la vernice, corressero le targhe stradali con Via Edoardo Malachina. Sindaco della liberazione era il socialista Faralli ma, quasi sicuramente, questa denominazione, non venne neppure registrata all' ufficio toponomastica del Comune di Genova. La registrazione avvenne pochi mesi dopo come Via Martiri della Libertà."

 

Interessante fotografia di Via XX Settembre, all' inizio del '900, con tutto intorno alberi ed orti. Sullo sfondo svetta la ciminiera del cotonificio Cucirini Cantoni Coats. Tratto dal libro Pegli nel tempo e nei tempi. Via XX Settembre ripresa da ponente, quando non era ancora alberata e nulla era costruito ai lati. E' visibile, sulla sinistra, Villa Nicolay ed il suo Parco (demoliti) e, sulla destra, il retro delle più vecchie case dell' attuale Via Teodoro II di Monferrato. Di Erio Panarari. 

1921 - Via XX Settembre, ora via Martiri della Libertà. L'Albergo Italia (prima Eden) e davanti la sede della Pro Pegli.

via xx 002

La cartolina e' datata 1933 e rappresenta il Villino Carpineto ancora visibile alla sinistra del panificio "Gianni" all' inizio di via XX Settembre.

Nel 1931 vediamo l'assenza di molti edifici attuali ed il muro che delimitava il lato degli orti (ora Via Argentina) in questa cartolina della tipografia/cartoleria Enrigo.

via xx 004

Siamo nel 1930 ed il primo palazzo a destra è stato costruito da poco. Vediamo la splendida alberatura della via dall'alto. 

 

Via XX Settembre con la sua splendida alberatura in una cartolina viaggiata nel Febbraio 1929.

 

La stupenda alberatura di via XX Settembre negli anni '30 e la totale assenza di autoveicoli. (a colori)

cartxx006

Ancora via XX Settembre dalla posizione della cartolina precedente, leggermente spostata a destra, in una cartolina del 1910.

Durante il fascismo la strada venne intitolata a Corrado Quario, caduto fascista. L'immagine è ripresa da levante e sulla destra è il Parco di Villa Nicolay, distrutto a fine guerra per la costruzione delle case Zoboli.

Cartolina del 1932 con alberi infoltiti ed aumento delle case ai bordi della strada rispetto agli anni precedenti. Di Erio Panarari.